Depuratore… situazione piuttosto torbida

image_pdfimage_print

Vorremmo tornare a parlare del depuratore di Cesenatico per approfondire l’argomento che riguarda le analisi di Arpa delle acque reflue. Nel precedente comunicato il MoVimento 5 Stelle di Cesenatico ha chiesto di rendere pubbliche, attendibili e facilmente comprensibili le analisi dei fanghi e delle acque. Tramite una dichiarazione alla stampa, il Sindaco Buda ci ha invitato ad andare a  leggere le analisi pubbliche sul sito di Arpa  per avere una risposta al nostro quesito.

Quest’oggi sono io ad invitare il Sindaco Buda ad andare a visionare le analisi del depuratore fatte da Arpa oppure, per meglio dire, a non poterlo fare. Non sono presenti alcune analisi strettamente legate alle acque reflue del depuratore. Dalle nostre ricerche siamo riusciti a reperire un solo file che si esprime sulla qualità delle acque limitrofe al depuratore con ultimo aggiornato al 2008. Non abbiamo potuto visionare i dati dal 2009 al 2011 perchè non presenti nel sito di Arpa. Il documento è denominato “qualità dei corpi idrici superficiali e sotterranei della provincia Forlì-Cesena Report 2007-2008” e prende in esame lo stato ambientale dei corsi d’acqua (SACA), definito sulla base dello stato ecologico (SECA) e dello stato chimico del corpo idrico (allegato 1, D.lgs. 152/99).

Le analisi prendono in esame solamente le acque del canale Fossatone, tra l’altro sotto i riflettori da qualche settimana per l’ordinanza restrittiva sulla balneazione nella zona di Zadina,  e non fanno alcun riferimento al corso d’acqua prospiciente il depuratore, dove questo immette direttamente i reflui trattati. La cosa più sconcertate è che viene reso ben in evidenza come le nostre acque siano ben al di sotto dalla soglia di salubrità. In effetti viene evidenziato come dal 2002 al 2008 siano stati riscontrati parametri di classe 3 e 4 in una scala massima di 5, dove il quinto livello evidenzia un ambiente fortemente inquinato. Durante questo lasso di tempo sono stati riscontrati e documentati picchi preoccupanti, che mostrano chiaramente diversi parametri totalmente sballati:

- escherichia coli (contaminazione microbica di natura fecale) 200 volte superiore alla norma;

- ossigeno disciolto (generatore di eutrofizzazione e carenza di forme di vita acquatiche) inferiore di 5 volte;

- azoto ammoniacale (scarichi urbani, industriali o agricoli) 50 volte superiore alla norma;

- fosforo totale (scarichi domestici ed industriali) 10 volte superiore alla norma.

La situazione è gravissima e molto pericolosa per la salute dei cittadini, dell’ambiente e per le ripercussioni che il turismo potrebbe subire. Invitiamo il Sindaco a richiedere immediatamente, rendere pubbliche e facilmente comprensibili le analisi dei fanghi e delle acque del nostro territorio dagli ultimi anni ad oggi. Rinnoviamo il nostro impegno,  nel caso in cui il Sindaco e le autorità competenti non siano sufficientemente esaustive e trasparenti nel fornire questi dati, di eseguire noi stessi ed a nostre spese le analisi necessarie per poi renderle pubbliche. Per concludere ribadiamo la nostra richiesta di convocare urgentemente la commissione ambiente.

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.