Ma questo prodotto è a Km zero o no ?

image_pdfimage_print

mercatino conserve

La piazza delle conserve da più di 50 anni diviene teatro del mercatino più caratteristico e storico di Cesenatico, il mercatino dei produttori agricoli. Questo unico quanto prezioso mercatino diviene sempre più motivo di attrazione per i turisti, che visitando il centro storico possono apprezzare ed assaporare le produzioni tipiche locali, acquistandole e familiarizzando direttamente con gli agricoltori della zona. Il Movimento 5 Stelle ritiene che la ricchezza e l’aspetto storico che questo angolo di Cesenatico con il suo mercatino riserva ad ogni visitatore, lo rendano un bene di inestimabile valore, il quale pertanto deve essere tutelato in ogni modo possibile.

Purtroppo da alcuni anni sono emerse gravi incongruenze e irregolarità da parte di alcuni soggetti che vendono al mercatino. Gli spazi per la vendita sono riservati esclusivamente ai produttori agricoli, quindi ai coltivatori, i quali possono vendere con alcune agevolazioni restando comunque vincolati da un apposito regolamento. Possono vendere solo ed esclusivamente i prodotti derivati dalle loro coltivazioni, che devono rientrare in ambito di tipicità regionale. Ogni altro tipo di “commercio” potrebbe essere definito pertanto irregolare oltre che inopportuno.

Nell’ordinanza di apposita regolamentazione si può leggere: “procedere alla fissazione di regole per lo svolgimento del suddetto mercatino”. L’ ART. 1 cita: “il mercato quotidiano dei produttori agricoli viene svolto su strada, a merceologia esclusiva con posteggi organizzati per la vendita di proprie produzioni agricole locali del settore alimentare, in piazza delle conserve tutti i giorni…” L’ART. 3 cita: “I posteggi di vendita possono essere utilizzati solo per la vendita al dettaglio di produzione propria, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia di igiene e sanità […] non possono essere concesse autorizzazioni per la vendita e assegnazione di posteggio nel predetto mercatino a richiedenti la cui produzione non possa essere definita o definibile come tipica regionale.

Tuttavia è stato riscontrato che esiste un vero e proprio commercio da parte di chi non coltiva i prodotti che espone e vende, ma di fatto, acquista all’ingrosso e rivende al dettaglio prodotti agricoli di ogni fattezza e provenienza. Questo commercio potrebbe essere considerato irregolare e inoltre potrebbe mettere in serio pericolo il futuro e la credibilità di tutti i veri agricoltori del mercatino stesso, nonché di tutti i commercianti che hanno negozi nelle zone limitrofe e che in quanto tali devono corrispondere allo stato una apposita tassazione. Purtroppo nessuna delle recenti amministrazioni ha tutelato i produttori agricoli e il mercatino stesso con le dovute precauzioni e con controlli appositi ed approfonditi.

Il MoVimento 5 Stelle è a favore della legalità e concorrenza leale, della salute pubblica e della salvaguardia dell’agricoltura locale. Rendiamo pubblica questa denuncia, per tutelare i produttori agricoli e il nostro mercatino, affinché vengano svolti regolari controlli atti a smascherare i commercianti che approfittano di questa situazione.

Riccardo Romani - Giuliano Fattori

Riccardo Romani – candidato Assessore (ambiente)
Giuliano Fattori – candidato Assessore (attività produttive)

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.