Progettiamo il nostro futuro con lungimiranza…

image_pdfimage_print

Venerdi scorso il Consiglio Comunale ha discusso argomenti di grande attualità: l’apertura di Atlantica, le consulenze per il 2012, la viabilità in viale Trento, l’abbattimento di alberi in viale Torino e il progetto “orti comunali”. Ma andiamo con ordine.

A seguito di un’interpellanza presentata dal PD, con la quale si chiedevano chiarimenti sulla questione Atlantica, l’Amministrazione ha assicurato che il parco acquatico aprirà come previsto a giugno. Atlantica deve aprire. Il MoVimento 5 Stelle è pienamente soddisfatto che apra nei tempi stabiliti e dia un servizio turistico ai villeggianti, alle famiglie e ai ragazzi che visitano Cesenatico durante il periodo estivo.

Durante il Consiglio è stata discussa la questione sull’utilizzo delle consulenze per il 2012. L’Amministrazione ha stanziato 300 mila euro per consulenze nel bilancio 2012, in continuità con la spesa degli anni precedenti. Vorremmo formulare un ragionamento che inviti la nuova Amministrazione al risparmio e a un utilizzo più efficiente degli uffici comunali. Il Comune ha 199 dipendenti preparati e competenti spendendo complessivamente 7 milioni di euro all’anno, senza considerare l’aggiunta dei 42 dipendenti della Cesenatico servizi srl che restano fuori da questo conteggio. La cosa che ci rende più perplessi è che l’Amministrazione comunale dal 2007 al 2012 ha formalizzato ben 450 incarichi esterni spendendo mediamente 5 mila euro a consulenza. Ciò significa avvalersi di una consulenza alla settimana. Facendo due conti si può facilmente capire quale sia il costo per la collettività. Il MoVimento 5 Stelle si mostra propositivo, invitando l’Amministrazione a risparmiare e utilizzare in maniera efficiente i dipendenti e tecnici comunali.

Le questioni di Viale Trento e viale Torino hanno acceso il clima in Consiglio a seguito di un’interpellanza presentata dal MoVimento 5 Stelle e una mozione presentata dal PD. Il confronto con i cittadini è di fondamentale importanza per la buona riuscita di un progetto e per le scelte della città. Tuttavia, nè il Comitato di Quartiere, ne’ tanto meno i cittadini sono stati interpellati preventivamente dall’Amministrazione sull’argomento in oggetto. Questo modus operandi autoritario è stato utilizzato dall’Amministrazione per la scelta di abbattere 26 alberi sani di viale Torino allo scopo di aumentare parcheggi. Perchè non proviamo a rivalutare la mobilità nel nostro Paese in un’altra ottica? Il problema non è la gestione del traffico in continuo aumento, ma diversamente bisogna ripensare alla mobilità per Cesenatico. La nostra proposta è di creare parcheggi scambio totalmente autofinanziati da coperture a pannelli fotovoltaici. Questo significherebbe liberare il centro di Cesenatico dalle auto. Dobbiamo guardare allo sviluppo della mobilità nel nostro Comune per i prossimi anni e le parole d’ordine devono essere: piste ciclo-pedonali e parcheggi scambio.

Il progetto “orti comunali”, proposto con una mozione dal MoVimento 5 Stelle, è stato appoggiato dall’Amministrazione. Questo progetto, gratuito e senza scopo di lucro, è finalizzato a incentivare e sensibilizzare la cittadinanza verso logiche di autoproduzione, di prodotti a filiera corta e Km 0. Il Progetto “orti comunali” vuole altresì sottolineare il concetto a noi molto caro del “ritorno alla terra”, legato con un filo diretto alla riscoperta delle nostre tradizioni rurali, culturali, i sapori ormai perduti, i rapporti sociali e umani all’interno della nostra comunità, il ritorno ad una consapevolezza tale da comprendere appieno il valore e l’importanza di ciò che abbiamo. Inoltre nell’ambito delle attività didattiche delle nostre scuole, l’iniziativa può combinarsi con percorsi educativi per lo sviluppo del consumo consapevole, dell’agricoltura sostenibile e dell’educazione alimentare. Le dichiarazioni in Consiglio del Sindaco sono state molto chiare: “un progetto condivisibile che l’Amministrazione porterà avanti”. Siamo pienamente soddisfatti che un’ennesima proposta del MoVimento 5 Stelle venga abbracciata dall’Amministrazione. Tuttavia, la mozione è stata bocciata dalla Maggioranza. Per l’ennesima volta una mozione presentata dalle minoranze è stata bocciata anche se le proposte sono state successivamente realizzate. A noi non importa che progetti vengano bocciati in Consiglio per motivi partitici o elettorali, ma che siano realizzati per il bene della collettività.

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.