Tematica: 'Commissione Comunale'
• Guarda le segnalazioni sulla Mappa
• Dì la tua sul tema, partecipa al Forum
• Approfondisci il tema sulla nostra Wikipedia

Commissione pubblica sul turismo con le associazioni di categoria

image_pdfimage_print

cesenatico-labora

Ritorna “Cesenatico LabORA”, tavolo di confronto periodico tra categorie economiche, Amministrazione comunale, gruppi Consiliari e cittadini. Martedì 10 Novembre alle ore 20.00, presso la sala del Consiglio comunale in via M.Moretti n.5, è convocata la Commissione “attività produttive e turismo”, aperta al pubblico. La Commissione ha come obiettivo l’approfondimento di temi di fondamentale importanza per il nostro Comune: commercio, turismo, artigianato e servizi. La prima parte sarà dedicata agli interventi delle categorie economiche; nella seconda parte la Giunta, i Consiglieri e i tecnici potranno porre domande e avanzare osservazioni alle stesse categorie; la terza parte dell’audizione sarà dedicata ad una breve replica delle stesse categorie sulle sollecitazioni pervenute. La serata sarà caratterizzata da interventi di tutte le categorie economiche del nostro Comune legate direttamente al mondo del turismo, settore commercio, servizi e artigianato. In particolare si vuole porre l’attenzione sull’andamento della stagione 2015, sulle problematiche con relative proposte volte ad arricchire l’offerta economico-socio-turistica del nostro territorio. La commissione avrà come obiettivo di informare sia l’Amministrazione, che l’opinione pubblica, su attività che rivestono un ruolo fondamentale per la collettività nel suo insieme. Inoltre la serata sarà da sollecito per toccare temi legati con un filo diretto all’argomento in oggetto: impatto ambientale, salute del nostro mare e sistema depurativo; l’arte, lo sport e la cultura come volano per il rilancio della città; la salvaguardia dei posti di lavoro attraverso progetti di turismo e produzione locale a Km0; il credito alle imprese; le nuove normative e la sburocratizzazione della macchina amministrativa; ripercussioni della tassazione nazionale e locale; la direttiva europea sul demanio marittimo; la sanità e la proposta di un ospedale della costa; viabilità e mobilità; ecc.

Alberto Papperini
Presidente IV Commissione consiliare

Un buco da 24 milioni

image_pdfimage_print

 

buco_bilancio

Martedì 19 Maggio dalle ore 20.00 verrà portato in Consiglio comunale, per l’approvazione, il bilancio consuntivo 2014 del Comune di Cesenatico. Sconcertante è stata la relazione dei revisori dei conti, i quali hanno messo in luce un buco di bilancio da 24 milioni di euro. Il bilancio 2014 risulta a pareggio, ma nella voce residui attivi o crediti (entrate che il Comune di Cesenatico deve ancora avere da terzi), sono state caricate voci di morosità, trasferimenti e oneri di urbanizzazione che mai il Comune riuscirà a recuperare, insomma inesigibili. La sommatoria di tale cifra è per l’appunto pari a 24 milioni di euro. Chiediamo di istituire immediatamente una commissione d’inchiesta per verifiche sulla veridicità di quei crediti, come la nuova norma nazionale impone. Il Comune potrebbe riscontrare con un deficit incolmabile. La situazione è drammatica.

Siamo ormai alla fine della legislatura targata Buda e quindi ad oggi è possibile tirarne le somme. Le entrate tributarie sono passate da 13 a 26 milioni, a cui va aggiunta la Tari (tassa rifiuti), per un totale che sfiora i 35 milioni di euro, segnale evidente di come siano aumentate le tasse in maniera esponenziale negli ultimi anni. Il debito del comune è di 53 milioni di euro, 42 milioni per mutui a cui deve essere aggiunto il costo del leasing con la banca Monte dei Paschi Siena, pari a 11 milioni 300 mila euro, per coprire le spese date dalla costruzione, targate CMC, del polo scolastico di Villamarina. Ogni cittadino di Cesenatico ha un debito di 2 mila euro sulle spalle. La situazione è ancor più grave se si considera che con l’operazione “Gesturist” il nostro ingente patrimonio costituito da campeggio, stabilimenti balneari e attività economiche, è stato miseramente svenduto (merito della precedente giunta targata PD). L’attuale giunta per non essere da meno sta gestendo la convenzione “NUIT” in modo inspiegabile. Perché ha fatto scadere le fidejussioni? Ha riscosso i tributi previsti per il rilascio delle concessioni edilizie? Perchè il demanio pubblico, strade e marciapiedi, è ancora in possesso ai privati? Le concessioni edilizie sono ancora valide? Gli alloggi popolari da realizzare nella colonia Prealpi che fine hanno fatto? Le opere pubbliche, fognature, marciapiedi, illuminazione pubblica previste in Viale dei Mille, fino a via Zara, sono state sospese o non saranno più realizzate? Il poco patrimonio rimasto viene gestito malamente: un terreno di 1.600 mq. con destinazione a verde pubblico viene venduto all’Hotel Valverde per pochi euro; il complesso di proprietà comunale “Atlantica Bingo” è stato affittato per una cifra ridicola. Piccoli esempi per dimostrare da che parte sta la Giunta. La sommatoria delle amministrazioni PD e PDL ci consegna una situazione disastroso.

La città ha bisogno di persone slegate da interessi particolari, che riportino la collettività a partecipare alle scelte amministrative. Abbiamo bisogno di onestà e di partecipazione, due virtù che non sono state ben poco considerate dalle ultime Amministrazioni. Tra un anno i cittadini avranno la possibilità di fare la svolta, scegliendo professionisti e giovani che possano dare risposte a tutta la collettività nel suo insieme, rilanciare il turismo, garantire una mobilità sostenibile, dare la possibilità alle attività commerciali e ricettive di tenere aperto più mesi all’anno, abbassare le tasse comunali, rivedere la gestione delle partecipate come la Cesenatico servizi, difendere la scuola pubblica, assicurare più sicurezza ai cittadini, garantire un ospedale della costa, un bilancio partecipato dai quartieri e dalle categorie economiche. Tutto è possibile, insieme.

 

Verso l’abolizione degli incentivi…

image_pdfimage_print

Si va verso l’abolizione degli incentivi ai dipendenti comunali per la progettazione di opere pubbliche. Durante il Consiglio Comunale di lunedì 2 Febbraio, l’assise ha approvato la mozione presentata dal MoVimento 5 Stelle, con la quale si chiedeva di abbassare nella percentuale minima gli incentivi ai dipendenti comunali per la progettazione di opere pubbliche.

Durante questi anni abbiamo sempre insistito sull’abolizione di questi incentivi. La norma, che vorrebbe incentivare il lavoratori dipendenti, non ha alcun senso. Il concetto, sia della norma che del buon senso, avrebbe dovuto considerare oltre all’incentivo anche un disincentivo, altrimenti logica vuole che il livello medio di produttività si abbassi inevitabilmente. Va aggiunto che l’incentivo non è legato al risultato, ma esclusivamente alla realizzazione del progetto. Infatti anche nei casi in cui le opere sono risultate mal costruita (es. le porte vinciane, il ponte mobile, la vena mazzarini, ecc.), ugualmente sono stati distribuiti incentivi a pioggia. E tutti quelli che dovevano controllare? I pareri tecnici?

Dal 2011 al 2013 le somme a titolo di incentivo distribuite al personale dipendente comunale, già stipendiato per svolgere il proprio lavoro, risultano di 135.000,00 euro. Queste cifre sarebbero potuto essere destinate ai cittadini di Cesenatico per la scuola, la sicurezza o per diminuire l’imposizione fiscale, sanare situazioni economiche di disagio. Per questo motivo abbiamo chiesto l’abolizione di questo incentivo che è un vero e proprio “imbroglio legalizzato” a discapito dei cittadini.

papperini consiglio

Emendamento ‘ad personam’ per A.J. Soragni

image_pdfimage_print

soragni in ufficio

Pronto il nuovo “regolamento per funzionamento del Consiglio comunale”, che verrà votato durante il prossimo Consiglio comunale, e pronto l’emendamento ad personam per A.J.Soragni. Il Presidente del Consiglio A.J Soragni, con un emendamento dell’ultima ora, toglie il limite al territorio provinciale per la riscossione di rimborsi chilometrici di residenza per gli amministratori e dipendenti pubblici. L’unico amministratore a giovarne di questa modifica sarebbe proprio il Presidente del Consiglio A.J.Soragni, l’unico ad aver richiesto ad oggi i rimborsi chilometrici, considerata la sua presunta residenza milanese.

Di certo ricorderete la polemica sorta dopo l’interpellanza presentata sulla presunta residenza milanese di A.J. Soragni, a seguito della quale il MoVimento 5 Stelle, nella persona di Alberto Papperini, era stato querelato. Tuttavia il processo si è dimostrato molto più che sfavorevole a Soragni, non soltanto perché il Consigliere Papperini è stato assolto con formula piena, ma anche perché a seguito delle indagini sarebbero emersi dubbi sulla reale residenza dello stesso Soragni a Milano. Infatti la stampa ha pubblicato indiscrezioni secondo le quali Soragni sarebbe stato sotto indagini proprio per la sua presunta residenza fittizia milanese.

Vorremmo ricordare che la Corte dei conti, pur avendo espresso parere favorevole alla estensione dei rimborsi fuori provincia, ha in sostanza legittimato la possibilità di mantenere tali rimborsi entro i confini provinciali se previsto dal regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale. Infatti, nelle ultime due righe del proprio parere, la Corte dei Conti evidenzia come eventuali limitazioni possano essere articolati all’interno del regolamento stesso. In sostanza quello che avviene a Cesenatico. 

IV Commissione – Relazione sullo stato di fatto riguardo al sistema di salvaguardia e protezione idrogeologica

image_pdfimage_print

Martedi alle ore 20,30 presso la sala del Consiglio comunale è convocata la Commissione “attività produttive e garanzia” e sarà aperta al pubblico. L’oggetto della serata riguarderà la relazione dello stato di fatto del sistema di salvaguardia e protezione idrogeologica del Comune di Cesenatico – approfondimento sulle cause dell’allagamento del centro storico e proposte per sopperire alle mancanze riscontrate.

Le premesse che hanno voluto la convocazione di tale commissione sono le seguenti:

  • Visti gli ultimi avvenimenti accaduti nella notte tra il 22 e 23 Settembre nel centro storico di Cesenatico, il quale è stato inondato e colpito da una perturbazione imprevista che ha messo in luce alcune criticità dovute al sistema di protezione idrogeologica della nostra città.

  • Convenuto della necessità di un incontro istituzionale tra gli enti preposti alla salvaguardia del territorio, al fine di valutare la situazione nei sui aspetti più tecnici e proporre soluzioni che garantiscano in futuro una maggiore sicurezza.

  • Considerati gli ingenti danni alle attività commerciali della nostra città a seguito dei fatti precedentemente descritti.

  • Valutate le innumerevoli richieste da parte di gestori e proprietari di attività commerciali danneggiate dall’evento atmosferico, i quali hanno richiesto un momento in cui approfondire i meccanismi del sistema di protezione idrogeologica, al fine di tutelarsi nel caso in cui succedano nuovamente eventi imprevisti, che tuttavia si dimostrano sempre più frequenti.

  • Vista la lettera di sollecitazione protocollata dalla Capitaneria di Porto di Cesenatico nella persona del Comandante T.V. (CP) Stefano Luciani, in data 23 Settembre 2014.

La commissione vedrà come relatori: Dirigente lavori pubblici e protezione civile, Capitaneria di porto, Giunta comunale e Gruppi consiliari. Si invita tutta la cittadinanza a partecipare.

Convocazione IV commissione – controllo e garanzia

image_pdfimage_print

maraffa - allagato centro storico

OGGETTO: convocazione in sede di controllo e garanzia – relazione stato di fatto del sistema di salvaguardia e protezione idrogeologica del Comune di Cesenatico.
Approfondimento cause allagamento centro storico e proposte per sopperire alle mancanze riscontrate.
La commissione è convocata per il giorno MARTEDI 14 Ottobre 2014 alle ore 20,30 presso la sala del Consiglio comunale in via M.Moretti n.5.
Visti gli ultimi avvenimenti accaduti nella notte tra il 22 e 23 Settembre nel centro storico di Cesenatico, il quale è stato inondato e colpito da una perturbazione imprevista che ha messo in luce alcune criticità dovute al sistema di protezione idrogeologica della nostra città; Convenuto della necessità di un incontro istituzionale tra gli enti preposti alla salvaguardia del territorio, al fine di valutare la situazione nei sui aspetti più tecnici e proporre soluzioni che garantiscano in futuro una maggiore sicurezza; Considerati gli ingenti danni alle attività commerciali della nostra città a seguito dei fatti precedentemente descritti;

Valutate le innumerevoli richieste da parte di gestori e proprietari di attività commerciali danneggiate dall’evento atmosferico, i quali hanno richiesto un momento in cui approfondire i meccanismi del sistema di protezione idrogeologica, al fine di tutelarsi nel caso in cui succedano nuovamente eventi imprevisti, che tuttavia si dimostrano sempre più frequenti. A tale convocazione si allega la lettera di sollecitazione protocollata dalla Capitaneria di Porto di Cesenatico nella persona del Comandante T.V. (CP) Stefano Luciani, in data 23 Settembre 2014.

 

Nomina degli scrutatori per le elezioni Europee del 25 maggio 2014

image_pdfimage_print

elezioni

 

Al Sindaco del Comune di Cesenatico Dott. R. Buda.

 

Il Comune di Cesenatico, in occasione delle prossime elezioni europee del 25 maggio 2014, dovrà avvalersi della collaborazione degli scrutatori di seggio, individuati ai sensi della Legge 8 marzo 1989, n. 95 “Norme per l’istituzione dell’albo e per il sorteggio delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale”. Tale normativa permette ai cittadini che siano elettori del comune e abbiano assolto gli obblighi scolastici, di entrare a far parte dell’albo citato.

La commissione elettorale comunale (P.Buda PD – F.Bandieri PDL – R.Baredi UDC – Sindaco R.Buda), che in data 2 maggio avrà il compito di scegliere gli scrutatori, potrà adottare un criterio misto di merito e reddito. Gli attivisti del MoVimento 5 Stelle del comune di Cesenatico sono convinti che il compito di scrutatore renda onore ai cittadini che facciano richiesta d’iscrizione negli elenchi, per senso civico e disponibilità. Inoltre sono convinti che questa opportunità di remunerazione, debba essere offerta a tutti.

Posto che nelle precedenti tornate elettorali la scelta è avvenuta per nomina diretta da parte dei rappresentanti della Commissione elettorale, favorendo quindi il rischio di chiamare sempre gli stessi, e comunque per evitare di assistere ad un possibile ma ormai troppo diffuso malcostume nazionale di privilegiare coloro che, per varie circostanze, hanno i soliti “santi in paradiso”, il MoVimento 5 Stellepropone che la scelta avvenga con sorteggio, e che il sorteggio venga fatto in seduta pubblica.

Diamo un segnale di discontinuità. Sottraiamo il privilegio, che la legge affida a cittadini e Comuni, alle logiche spartitorie. Contribuiamo a offrire nuova fiducia ai cittadini verso la Pubblica Amministrazione e al Comune di Cesenatico.