Progetto Smart Riviera… il rischio è il nostro mestiere?!

image_pdfimage_print

Il Comune di Cesenatico rischia seriamente un ricorso al TAR a causa del nuovo progetto SMART RIVIERA approvato il 22 febbraio 2011 in delibera di Giunta. Per motivare la nostra supposizione facciamo un passo indietro.

Il 23 marzo 2009 un progetto simile chiamato SMART TOWN, anch’esso in collaborazione con Telecom Italia, è stato approvato in delibera di Giunta dal Comune di Bellaria Igea Marina. Questo progetto aveva come obiettivo la creazione di aree di interconnessione destinate al settore turistico ricreativo, sperimentando la tecnologia WI-FI e l’installazione di telecontrollo dei lampioni per risparmiare energia con l’affidamento diretto a Telecom Italia senza bando pubblico. La società concorrente Power-One Italy S.p.a. ha fatto immediatamente ricorso al TAR perchè l’affidamento della gestione di una parte dell’illuminazione pubblica è stata data direttamente a Telecom Italia sfidando le logiche di libera concorrenza. La sentenza del TAR ha portato all’annullamento della delibera di Giunta con queste motivazioni:

“in capo a Telecom si configurerebbe un’evidente abuso di posizione dominante, atteso che essa sfrutterebbe la posizione acquisita nel mercato delle telecomunicazioni per restringere la concorrenza nel mercato dell’illuminazione pubblica […] l’affidamento del servizio e fornitura inerente la installazione del telecontrollo e di risparmio energetico per gli impianti di pubblica illuminazione non poteva che essere preceduto da un confronto competitivo basato su una precisa individuazione delle specifiche tecniche del prodotto oggetto di gara, formulate in termini di prestazioni o di requisiti funzionali nel rispetto del principio di equivalenza. Va conseguentemente ritenuta l’illegittimità della deliberazione della Giunta Municipale“.

Andando a leggere la delibera di Giunta del Comune di Cesenatico n°46 del 21 marzo 2011 sul progetto SMART RIVIERA, oltre che a diversi servizi quali la videosorveglianza, WI-FI gratiuito e l’infomobilità, troviamo la telegestione degli impianti di illuminazione pubblica, a causa del quale il Comune di Bellaria Igea Marina è stato punito.

Il MoVimento 5 Stelle è seriamente preoccupato delle conseguenze che potrebbero derivare dal progetto SMART RIVIERA. Altrove l’assenza di trasparenza da parte dell’Amministrazione comunale ha portato a conseguenze negative. Per scongiurare che il Comune venga condannato a risarcire un eventuale danno, chiediamo al Sindaco e all’Amministrazione di far chiarezza rispondendo ai seguenti quesiti: con la delibera approvata, una parte della gestione dell’illuminazione pubblica passerà a Telecom Italia? Se la risposta fosse positiva, è stato fatto un bando pubblico per l’affidamento?
Per concludere ci dispiacerebbe che per un errore dell’Amministrazione si vanificasse la realizzazione di un servizio così importante sia per i cittadini che per i turisti quale è il WI-FI gratuito.