Questa volta non dobbiamo dimenticare

image_pdfimage_print

consiglio comunale cesenatico

Buda si merita la sfiducia, ma con il Sindaco l’intero Partito Democratico si dovrebbe dimettere dal Consiglio comunale. I cesenaticensi non dimenticano facilmente e non si bevono questa nuova verginità che il PD sta cercando di ricostruirsi in queste ultime settimane di instabilità politica all’interno della maggioranza.

Se è vero che Buda ha responsabilità indiscutibili sulla situazione di stallo, degrado e aumento di pressione fiscale in cui versa la città (come tra l’altro abbiamo più volte evidenziato) è altrettanto vero che le cause di questo fallimento politico e amministrativo trovano le proprie radici nelle sconsiderate scelte amministrative delle passate amministrazioni Zoffoli – Panzavolta.

In questi anni abbiamo assistito alla chiusura di reparti nuovissimi dell’ospedale Marconi, che oggi si appresta a diventare un modesto poliambulatorio; il sistema di salvaguardia idrogeologica dagli allagamenti costato milioni non funziona e le porte vinciane, nel caso di un’emergenza imminente, non possono essere chiuse (vedi alluvione del 20 settembre 2014); le proprietà Gesturist, fiore all’occhiello del Comune come stabilimenti balneari, campeggi e ristoranti, sono stati svenduti con un ipotesi di danno verso il Comune di oltre 4 milioni di euro; speculazioni edilizie in zona agricola attraverso la trasformazioni di porcilaie in residenziale; il debito comunale che ha toccato il record di 53 milioni di euro; servizi di manutenzione scarsi e gestiti con disparità tra i Quartieri.

Tuttavia, quegli amministratori sono ancora tutti lì in Consiglio, anzi per essere precisi, metà sono in Consiglio comunale e l’altra metà sono a Forlì a giudizio per presunta truffa verso il Comune di Cesenatico con la “svendita Gesturist”. Se di responsabilità verso la città si parla allora possiamo tranquillamente affermare che il Partito Democratico dovrebbe essere coerente con la mozione di sfiducia presentata e sfiduciare, oltre che questa Giunta, anche loro stessi, dimettendosi in blocco.

Con le prossime elezioni dovrà essere eletto un Sindaco e una Giunta che siano slegati da “affari” di partito e che possano dare risposte alle esigenze della città con onestà, professionalità ed uguaglianza di trattamento nei confronti dei cittadini. Noi del MoVimento 5 Stelle ci rendiamo disponibili sin da subito nel portare avanti questi principi di sana politica.

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.