Il vento della democrazia non gonfia le vele dell’amministrazione

image_pdfimage_print

Il giovane Sindaco Roberto Buda timoniere della nuova Amministrazione che esordì alle elezioni con un nuovo cambio di rotta purtroppo non mantiene le promesse fatte e non naviga certo con il vento della Democrazia in poppa.
Sta manovrando in perfetto stile autoritario: non dialoga col Consiglio Comunale, soprattutto non ascolta i cittadini e i Comitati di Quartiere, né tantomeno le categorie economiche.

Alcuni fatti:
In viale Trento l’Amministrazione adotta modifiche alla viabilità discutibili quanto pericolose e non ascolta la vibrante protesta dei cittadini che evidenziano il loro dissenso e la loro preoccupazione con appelli e raccolta firme. Nè il neocomitato di quartiere, nè le associazioni, nè i cittadini sono stati interpellati. Ciò non risponde ai più elementari canoni di Democrazia.

Solo dai giornali si apprende che i giardini di Viale Torino, viale dei Mille, viale Abba e vie limitrofe, subiranno pesanti interventi con abbattimento di alberi e riduzione degli spazi verdi per far posto alle auto.
Tutto questo senza consultare il Consiglio comunale, i Comitati di Quartiere e le associazioni di categoria.

Se queste prime e semplici operazioni sono il preludio al buon rapporto fra cittadinanza e Amministrazione si può già comprendere quale sarà il risultato dell’equazione; se avete difficoltà a capire fatevelo spiegare dal Sindaco che è insegnante di matematica!

Inoltre, per fare i conti in tasca ai cittadini…
l’Amministrazione approva un bilancio comunale che avrà conseguenze pesanti sulle famiglie di Cesenatico, senza informazioni di trasparenza, senza la solita minima consultazione dei Quartieri e delle categorie e non considerando affatto le proposte costruttive e fattibili del nostro Consigliere durante il dibattito consiliare. Non taglia minimamente le clientele e le spese superflue e la sospirata progettualità in risposta ai bisogni di Cesenatico è inesistente.

Cesenatico è tutti noi e dobbiamo pretenderne una conduzione democratica. Invitiamo i cittadini a difendere la gestione del paese partecipando ad incontri di Quartiere in cui si possa decidere democraticamente le scelte di interesse pubblico.

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.