L’affare Nuit è fallito !

image_pdfimage_print

cantiere ex nuit

L’area ex Nuit deve tornare di proprietà comunale e trasformata in uno pubblico spazio adeguandolo per eventi, fiere e manifestazioni. Questo è l’impegno che un’Amministrazione comunale si deve prendere in tempi brevi per tutelare l’interesse pubblico e quello che di poco è rimasto dell’accordo di programma mai andato in porto.

L’affare Nuit è praticamente fallito ed è tempo di pensare al futuro. La convenzione prevedeva la costruzione di molti appartamenti in cambio di opere pubbliche (sistemazione di V.le dei Mille, comprese fognature e acquedotto, colonia Prealpi trasformata in edilizia popolare ed altro). Ad oggi ci troviamo in una condizione difficile, con un’area/acquitrino in piena zona turistica, con conseguenze ambientali ed economiche facilmente immaginabili. Le fidejussioni probabilmente non risultano regolari e quindi riscuotibili, di conseguenza esistono inadempienze che hanno causato alla comunità di Cesenatico gravi danni economici valutabili in molti milioni di euro (oltre 7,5 milioni di euro). A questo punto la convenzione e le concessioni edilizie sono ancora valide?

Che fare dunque. La nostra proposta è di “cambiare rotta” rispetto le politiche speculative delle precedenti amministrazioni e di quella attuale. Occorre revocare l’attuale convenzione per evidente inadempienza della società proprietaria e fare una convenzione nuova che preveda la trasformazione dell’area Nuit in uno pubblico spazio adeguandolo per eventi, fiere e manifestazioni, mantenendo la possibilità di trasformare le altre colonie in degrado nel viale Carducci. In tal modo non si penalizza la proprietà privata e il Comune avrebbe la possibilità di valorizzare il lungomare di Viale Carducci.

Nel frattempo il Sindaco ci deve alcune risposte: perché le fidejussioni sono state fatte scadere e non sono state escusse? Qual è la proposta sull’argomento del Partito Democratico, dalla quale cabina di regia (precedente Amministrazione targata Panzavolta) è stato partorito tutto l’affare?

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.