Saldi di agosto… STU in liquidazione!

image_pdfimage_print

Crediamo che la liquidazione della STU, che si sta occupando della trasformazione urbanistica della zona colonie di ponente, sia utile e conveniente per la collettività di Cesenatico per diversi motivi. In questi anni di lavoro la STU ha partorito un progetto urbanistico di vecchia concezione, fatto di molti condomini e pochi alberghi. Dal progetto si nota l’inesistenza di luoghi di aggregazione per giovani, dove l’arte, la musica e la cultura rendano il quartiere vivo anche nei mesi invernali. Inoltre vengono cedute ai privati aree pubbliche come Atlantica, strategiche per la realizzazione di servizi utili alla comunità e al turismo. Tutto ciò allo scopo di una sfrenata speculazione sull’edilizia residenziale.

La tanto sbandierata partecipazione popolare al progetto è fumo negli occhi. Le scelte relative al numero dei condomini e sugli utili da riservare ai privati sono state fatte in altre stanze ben più riservate. Il progetto è oltremodo carente perché ha escluso due aree coloniche strategiche site in via Cavour. La società è già costata alla collettività 210 mila euro e, avendo un bilancio in perdita, secondo la legislatura dello Stato non può continuare ad esistere a meno che il Comune non continui a pagare. Inoltre la società aveva il compito di gestire le opere di urbanizzazione per un valore di circa 40 milioni di euro di denaro pubblico, evitando le procedure di trasparenza previste per gli enti pubblici e arrogandosi un forte margine discrezionale. E’ bene che gli appalti pubblici siano controllati dal Comune.

Il vero problema sarà cosa pensa di fare questa nuova Amministrazione: quanto cemento, quanti condomini, quanti alberghi, quali punti di aggregazione giovanile, quale destinazione per le aree comunali? I suonatori sono cambiati ma la musica cambierà?

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.