Un buco da 24 milioni

image_pdfimage_print

 

buco_bilancio

Martedì 19 Maggio dalle ore 20.00 verrà portato in Consiglio comunale, per l’approvazione, il bilancio consuntivo 2014 del Comune di Cesenatico. Sconcertante è stata la relazione dei revisori dei conti, i quali hanno messo in luce un buco di bilancio da 24 milioni di euro. Il bilancio 2014 risulta a pareggio, ma nella voce residui attivi o crediti (entrate che il Comune di Cesenatico deve ancora avere da terzi), sono state caricate voci di morosità, trasferimenti e oneri di urbanizzazione che mai il Comune riuscirà a recuperare, insomma inesigibili. La sommatoria di tale cifra è per l’appunto pari a 24 milioni di euro. Chiediamo di istituire immediatamente una commissione d’inchiesta per verifiche sulla veridicità di quei crediti, come la nuova norma nazionale impone. Il Comune potrebbe riscontrare con un deficit incolmabile. La situazione è drammatica.

Siamo ormai alla fine della legislatura targata Buda e quindi ad oggi è possibile tirarne le somme. Le entrate tributarie sono passate da 13 a 26 milioni, a cui va aggiunta la Tari (tassa rifiuti), per un totale che sfiora i 35 milioni di euro, segnale evidente di come siano aumentate le tasse in maniera esponenziale negli ultimi anni. Il debito del comune è di 53 milioni di euro, 42 milioni per mutui a cui deve essere aggiunto il costo del leasing con la banca Monte dei Paschi Siena, pari a 11 milioni 300 mila euro, per coprire le spese date dalla costruzione, targate CMC, del polo scolastico di Villamarina. Ogni cittadino di Cesenatico ha un debito di 2 mila euro sulle spalle. La situazione è ancor più grave se si considera che con l’operazione “Gesturist” il nostro ingente patrimonio costituito da campeggio, stabilimenti balneari e attività economiche, è stato miseramente svenduto (merito della precedente giunta targata PD). L’attuale giunta per non essere da meno sta gestendo la convenzione “NUIT” in modo inspiegabile. Perché ha fatto scadere le fidejussioni? Ha riscosso i tributi previsti per il rilascio delle concessioni edilizie? Perchè il demanio pubblico, strade e marciapiedi, è ancora in possesso ai privati? Le concessioni edilizie sono ancora valide? Gli alloggi popolari da realizzare nella colonia Prealpi che fine hanno fatto? Le opere pubbliche, fognature, marciapiedi, illuminazione pubblica previste in Viale dei Mille, fino a via Zara, sono state sospese o non saranno più realizzate? Il poco patrimonio rimasto viene gestito malamente: un terreno di 1.600 mq. con destinazione a verde pubblico viene venduto all’Hotel Valverde per pochi euro; il complesso di proprietà comunale “Atlantica Bingo” è stato affittato per una cifra ridicola. Piccoli esempi per dimostrare da che parte sta la Giunta. La sommatoria delle amministrazioni PD e PDL ci consegna una situazione disastroso.

La città ha bisogno di persone slegate da interessi particolari, che riportino la collettività a partecipare alle scelte amministrative. Abbiamo bisogno di onestà e di partecipazione, due virtù che non sono state ben poco considerate dalle ultime Amministrazioni. Tra un anno i cittadini avranno la possibilità di fare la svolta, scegliendo professionisti e giovani che possano dare risposte a tutta la collettività nel suo insieme, rilanciare il turismo, garantire una mobilità sostenibile, dare la possibilità alle attività commerciali e ricettive di tenere aperto più mesi all’anno, abbassare le tasse comunali, rivedere la gestione delle partecipate come la Cesenatico servizi, difendere la scuola pubblica, assicurare più sicurezza ai cittadini, garantire un ospedale della costa, un bilancio partecipato dai quartieri e dalle categorie economiche. Tutto è possibile, insieme.

 

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.