Vena e Centro cambiano volto - M5S presenta l'ANELLO WELLNESS.


anello wellness - vena mazzarini

Viene presentata l’idea progettuale del MoVimento 5 Stelle per riqualificare la Vena Mazzarini: prende forma “l’anello wellness”. La differenza tra una banale campagna elettorale e le proposte serie e di qualità sta, fondamentalmente, nel metodo. Il metodo del MoVimento è quello dello studio, dell’analisi, della condivisione di idee e della progettazione. Il MoVimento 5 Stelle di Cesenatico, in questi anni di costante attenzione al territorio e alla vita quotidiana che su di esso si sviluppa, ha svolto tra le altre cose l’analisi dell’intervento sulla Vena Mazzarini.
L’intervento sulla Vena Mazzarini, assieme al recupero dell’area ex-nuit rappresenta, per il MoVimento 5 stelle Cesenatico un’occasione imperdibile per eliminare il degrado urbano, alimentando il volano turistico ed economico di Cesenatico per i prossimi 15 anni. La Vena Mazzarini è un potenziale inespresso di collegamento per Cesenatico, il filo d’unione e di integrazione tra i punti caratteristici più importanti della città. Creare un ”anello wellness” che circondi la città la Vena da Via Anita Garibaldi, passando per Viale Roma e Viale Trento, proseguendo per Via Cesare Abba viale sino a Viale Torino dove, grazie alle piste ciclabili, si potranno raggiungere i giardini al mare e da qui ritornare in Via Anita Garibaldi. L’anello della Vena contribuisce ad ampliare e a mettere in rete i percorsi ciclabili in parte esistenti e in buona parte da realizzare, come nello studio già presentato ai cittadini dal movimento 5 stelle Cesenatico.

Il tratto di Vena Mazzarini già oggetto di intervento negli anni passati andrebbe rivisto esclusivamente in alcuni punti, come: il giardino di Via Bologna ricco di potenzialità ma tutt’ora fortemente limitato; l’area ex-delfini deve prevedere il ripristino in chiave moderna della vecchia gradinata con eventuale realizzazione di pedana in acqua da adibire a palco per piccoli spettacoli come recite, artisti di strada, piccoli eventi musicali; l’installazione di un sistema di movimentazione, ricircolo ed ossigenazione delle acque; lungo il bordo della vasca inoltre potrebbero essere allestiti chioschi per giovani, esposizioni artistiche, e comunque rassegne d’arte, musica, pittura, ecc. Di fatto in questo modo la vasca d’acqua tornerebbe ad avere quindi la sua funzione storica, ovvero quella di ospitare spettacoli. Necessario è intervenire sul ponte mobile, ad oggi inutile e con costi di gestione esagerati così come sarà rivisitato il ponte di Via Ferrara, ipotizzandolo in legno e dedicato al passaggio di pedoni e biciclette. Via Cesare Abba da Viale Trento a Viale Torino sarà oggetto di riqualificazione urbana, integrando piste ciclabili e intervenendo anche sulle aree verdi poco curate e sull’illuminazione.

La riqualificazione vuole e dovrà essere sviluppata come una visione globale della città e non un intervento limitato a se stesso, come troppo spesso accaduto nel passato. A livello di investimento le risorse dovranno essere trovate e messe a profitto nel migliore dei modi, coinvolgendo tutti gli enti (pubblici, imprenditori locali e attraverso risorse europee) che possono rientrare nella riqualificazione.

09_FATTORI

Giuliano Fattori– candidato assessore (turismo)

14_SERRA

Silvia Serra – candidata assessore (lavori pubblici)