Chiarezza su Gesturist

image_pdfimage_print

Esposto gesturist 1

Il caso Gesturist è giunto a una svolta. Durante il prossimo Consiglio comunale, il MoVimento 5 Stelle presenterà una mozione perché il Comune di Cesenatico si costituisca parte civile al processo che partirà sulla svendita di Gesturist. Ma cosa significa costituzione di parte civile? Parte civile in un processo penale è il soggetto danneggiato dal reato che intende far valere innanzi al giudice penale la propria domanda di risarcimento o di restituzione. Soggetto legittimato a costituirsi parte civile è qualsiasi persona fisica e giuridica, nonché enti senza personalità giuridica. Questa specificazione è importante perché sono legittimati a costituirsi parte civile gli Enti quali lo Stato, la Regione, la Provincia ed i Comuni ma può farlo anche il soggetto privato in virtù della lesione del suo diritto inviolabile che trova il suo fondamento nell’art. 2 della Costituzione.

Ma non ci fermiamo qui. Proporremo la costituzione di una Commissione d’inchiesta straordinaria per far finalmente luce sui numeri e le torbide vicissitudini legate al percorso di scissione. La Commissione d’inchiesta, di cui faranno parte tutti i gruppi consiliari, avrà come obiettivo quello di far emergere il percorso di svendita del patrimonio pubblico avvenuto con la scissione di Gesturist, voluta dall’Amministrazione Panzavolta targata PD.

Nel gennaio 2012, dopo numerose interpellanze e inviti al Sindaco di difendere il patrimonio pubblico, il MoVimento 5 Stelle ha presentato un esposto alla Magistratura, nel quale si denunciavano fatti che avrebbero potuto rappresentare il possibile esempio di uso non trasparente della cosa pubblica. L’enorme patrimonio del Comune di Cesenatico del valore di svariati milioni di euro (campeggi, stabilimenti balneari, ristoranti, attrezzature turistiche, ecc.), che potevano essere utilizzati per ridurre l’ingente debito accumulato e per investimenti indispensabili alla collettività, è stato svenduto a cifre ridicole? La procedura di dismissione delle quote che il Comune di Cesenatico deteneva in Gesturist (oltre il 74%) non è stata corretta in quanto è stata abbandonata la dovuta evidenza pubblica. In pratica, Gesturist ha attuato una serie di operazioni societarie che l’hanno portata a dividersi in due società: la prima da cedere ai privati, cui sono stati assegnati i beni immobili più pregiati, la seconda destinata ad esser posseduta al 100% dal Comune, a cui non si comprende bene cosa sia stato assegnato in termini di valore. I fatti, se corrispondenti al vero, farebbero emergere stranezze che lascerebbero spazio al sospetto di un’operazione pilotata a danno dell’interesse pubblico e per questo abbiamo presentato il nostro esposto. Alle diseconomie nella gestione degli appalti dati dal Comune a Gesturist senza gara pubblica e con scarsi controlli, che potrebbero aver danneggiato il bilancio del nostro Comune e causato un grave danno di immagine alla città di Cesenatico, potrebbe poi essersi aggiunta una ‘svendita’ di cui va verificata la legittimità.

A questo punto ci sorgono diversi dubbi sul comportamento del Sindaco Buda. Come mai il Sindaco Buda è stato a capo dell’opposizione targata “Forza Italia” e poi PDL per 10 anni e non ha mai denunciato le vicissitudini legate alla scissione della Gesturist? Tutti i gruppi consiliari di opposizione erano in grado di sapere cosa stava succedendo all’interno della partecipata, ma nessuno ha mai alzato un dito. Come mai solamente ora, dopo 2 anni di mandato da Sindaco, Roberto Buda annuncia un esposto sulla scissione? Forse perché le indagini della Magistratura sono arrivate ad una svolta e per non trovarsi scoperto ha dovuto presentare un esposto? Il Sindaco Buda è stato forzato a presentare questo esposto dall’evoluzione delle vicende giudiziarie in corso per tutelarsi e non incorrere in accuse di corresponsabilità?

Nel caso venga provato oltre ogni ragionevole dubbio che vi sia stato un danno verso il Comune, dovranno essere avviate azioni in difesa della collettività per il recupero dei danni subiti e in tal caso confidiamo che il Sindaco stia dalla parte dei cittadini e spieghi ufficialmente in Consiglio Comunale quali sono le sue proposte e le sue intenzioni.

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.