Tematica: 'Lavoro'
• Guarda le segnalazioni sulla Mappa
• Dì la tua sul tema, partecipa al Forum
• Approfondisci il tema sulla nostra Wikipedia

M5S attento alle attività produttive – pagare a giugno la tassa di occupazione suolo.

image_pdfimage_print

Nel mese di Aprile, la maggior parte delle attività che occupano suolo pubblico sono state chiamate a pagare la relativa tassa. Indipendentemente che si parli di attività annuali o stagionali, è evidente che si tratta di un anticipo di spesa. Il MoVimento 5 Stelle propone di pagare la tassa per l’occupazione del suolo pubblico non più ad Aprile, ma nel mese di Giugno. Insieme ad altre modifiche al regolamento che verteranno sull’incentivazione alla ristrutturazione di chioschi e arredi in genere, riteniamo di fare un passo importante nel supporto a chi a Cesenatico lavora ed investe.

Con D.C.C. n. 17 del 18.03.2010 venivano approvate una serie di modifiche al regolamento comunale per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. I costi per l’apertura e l’ammodernamento dei locali delle attività turistiche avvengono prima dell’apertura degli esercizi e i titolari usufruiscono spesso di accesso a forme di credito bancarie, come fidi su conto corrente. La crisi economica ha ridotto notevolmente i profitti delle attività economiche e reso più difficile e costoso l’accesso al credito. La maggior parte delle imprese turistiche paga i canoni di occupazione del suolo pubblico a fine aprile ed inizia ad incassare da Giugno. Il posticipo di 45 giorni sul pagamento della prima rata della tassa comunale per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche può aiutare le attività del territorio a fronte di un costo nullo per le casse del comune di Cesenatico.

Abbiamo inoltre pronta una delibera di giunta che permette ai possessori di chioschi e strutture di arredo come tavoli, sedute in genere, ombrelloni, etc.., di ottenere incentivi (sgravi di aliquota IMU e tassa occupazione suolo) a fronte di interventi di ammodernamento. Il tutto nella consapevolezza che solamente il lavoro congiunto di pubblico e privato, con una cura minuziosa di ogni singolo particolare, possa portare ad un miglioramento ed una crescita economica per le attività produttive di Cesenatico.

In caso di vittoria elettorale, il MoVimento 5 Stelle già dal prossimo anno si impegna a modificare il regolamento per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l’applicazione del relativo canone all’articolo 36 comma 6 lettera a)occupazioni a carattere permanente e lettera b)occupazioni a carattere ricorrente posti in essere da commercianti su area pubblica e produttori agricoli nei mercati annuali, sostituendo la data del 30 aprile con quella del 15 giugno.

09_FATTORI

Giuliano Fattori – candidato Assessore (attività produttive)

Mercatino conserve: PD cavalca l’onda – Papperini, M5S: non siete credibili.

image_pdfimage_print

mercatino conserve

ll MoVimento 5 Stelle di Cesenatico vuole evidenziare, con enorme piacere, che altri schieramenti politici, solo ora, si stanno pronunciando sulle problematiche relative al mercatino della Piazza delle Conserve e della tutela dei produttori del Km 0. E’ VERO che il MoVimento 5 Stelle già da mesi si interessa del problema, cercando un dialogo costante con i produttori della piazzetta nella comune possibilità di risolvere al meglio le tensioni e le problematiche di ognuno, proprio perchè tale mercatino, da anni ha problemi nel mancato controllo merce e/o sulla relativa area di usufrutto.

E’ VERO che il PD, mai si era interessato al km 0 e/o alla tutela dei produttori nel mercatino, solo ora propone incontri con i produttori della piazzetta: è però fondamentale fare presente che l’ordinanza di regolamentazione del mercatino fu firmata dall’amministrazione di sinistra e quasi subito e’ stata disattesa. Ed allora, è d’obbligo una domanda: dov’è stato il PD in questi anni? Perche’ non ha esercitato l’onere dei dovuti controlli? Perche’ i produttori sono stati dimenticati? Ovviamente, con determinazione vorremmo rivolgere le stesse domande anche all’amministrazione di centro destra che ha governato il paese negli ultimi 5 anni.

Inoltre, è inconfutabile che le proposte e progetti del programma, che il MoVimento 5 Stelle propone da anni sia a livello locale che nazionale, sono ricalcate da altre liste che non esitano a riproporle nel modo a loro più congeniale: questo significa che il nostro programma presentato agli elettori, oltre alle nostre costanti iniziative, è molto apprezzato e ci induce ad andare avanti con sempre maggiore convinzione. A questo punto però la domanda è d’obbligo: oltre alle iniziative contenute nel nostro programma elettorale, quali sono le nuove iniziative e/o proposte del PD e/o del centrodestra,?

17_RICCARDO

Riccardo Romani – candidato Assessore M5S

03_AMADIO
Jessica Amadio – candidata Assessore M5S

Produttori locali in assemblea

image_pdfimage_print

assemblea M5S produttori agricoli1

Al grido “difendiamo il mercatino dei produttori agricoli”, si è concluso con i migliori auspici il primo confronto tra produttori del mercatino delle conserve e commercianti, voluto e organizzato dal MoVimento 5 Stelle di Cesenatico. Durante la serata, il clima è sempre rimasto disteso e rispettoso tra tutti e quindici i produttori e commercianti presenti all’assemblea, tenutasi martedì sera presso il bar Duse.

Anche se i punti di vista si sono dimostrati molto diversi tra loro, si è comunque convenuti tutti assieme nell’attivarsi per salvaguardare il lavoro dei produttori locali ed incentivare la produzione stagionale e quindi a Km0. L’annosa e delicata questione che ha tenuto banco è stata la presenza di ortaggi e prodotti non locali e fuori stagione presenti ormai da tempo al mercatino dei produttori di piazza delle Conserve. L’ordinanza comunale, vigente ormai da anni, è chiara e non ammette interpretazione: la produzione deve essere locale e stagionale, quindi non sono ammessi altri prodotti all’interno del mercatino. Sul punto sono state avanzate numerose e diverse osservazioni dai presenti: “bisogna essere più elastici con la presenza di prodotti agricoli anche fuori stagione per evitare che il mercatino possa morire”. Diversamente altri produttori hanno dichiarato: “il mercatino sta già morendo proprio perchè si sta perdendo di credibilità con la vendita di ogni tipo di ortaggio e facendo concorrenza sleale ai commercianti”.

Il MoVimento 5 Stelle non si tira mai indietro nell’affrontare questioni anche molto delicate e complesse come questa. Con dovere istituzionale ed impegno civico vogliamo tutelare la produzione a km0, attraverso una politica volta alle produzioni e tipicità locali. Allo stesso tempo vogliamo tutelare il lavoro e le attività del territorio.

Il confronto su questo tema non si esaurirà di certo qui. Ci impegniamo nel continuare questo confronto con i produttori locali e commercianti per decidere una linea comune, con l’obiettivo di difendere il mercatino delle conserve, i produttori locali, il lavoro dei commercianti, tutelare il km0 e difendere la nostra campagna.

M5S produttori agricoli

Mercatino Km 0 delle conserve facciamo chiarezza assieme !

image_pdfimage_print

mercatino conserve

Il mercato dei produttori agricoli di piazza delle conserve è regolato da un’ordinanza comunale, che già da qualche tempo in modo sempre crescente viene ignorata e pertanto non rispettata. L’ordinanza precisa che solo chi vende la PROPRIA PRODUZIONE può aver diritto di vendere in quel mercato, in oltre la produzione deve essere costituita da tipicità LOCALI.

Secondo quanto scritto nell’ordinanza in modo semplice e senza possibili interpretazioni, il mercato di piazza delle conserve viene a collocarsi in una categoria di commercio particolare e molto preziosa, IL KM 0. Da alcuni incontri con i produttori e con i commercianti dei negozi della zona, sono emersi numerosi problemi che vanno quanto prima risolti, per evitare tra i venditori diatribe, attriti e controversie che si sono già verificate, nella tutela dei produttori agricoli, dei commercianti che vendono prodotti agricoli al di fuori del mercato ostacolati slealmente, oltre che del consumatore che vuole acquistare in tutta fiducia prodotti a km 0.

Non è ammissibile che ci sia concorrenza su ortaggi fuori stagione e prodotti ortofrutticoli fuori dalla nostra zona di produzione, non è corretto che i produttori IN QUESTO MERCATO si comportino come un qualsiasi commerciante! Il MoVimento 5 stelle chiede che venga tutelato il mercatino e il lavoro degli agricoltori. Per tali ragioni chiediamo che i PRODUTTORI AGRICOLI si impegnino a vendere solo ed esclusivamente ciò che deriva dalla propria produzione e tutto ciò che viene venduto DEVE ESSERE di PRODUZIONE LOCALE E STAGIONALE per tutti i 12 mesi dell’anno.

Proponiamo quindi per incentivare la clientela del mercato, di potenziare la visibilità del mercato con indicazioni, tabelle e adeguato sostegno pubblicitario, di migliorare qualitativamente le condizioni di piazza delle conserve, contrastando l’evidente degrado, di rendere gratuito per la prima ora IL PARCHEGGIO DI PIAZZA DEL MONTE, tutte le mattine DALLE 7 ALLE 13.

A TALE PROPOSITO, il MoVimento 5 stelle invita tutti i produttori che vendono al mercatino, all’incontro pubblico che si terra martedi 26 aprile alle ore 20.45 presso il bar Duse per un confronto.

Riccardo Romani

Riccardo Romani – candidato Assessore

Cesenatico LABora

image_pdfimage_print

cesenatico labora

L’obiettivo di questa iniziativa è favorire la collaborazione tra l’Amministrazione comunale, i Gruppi consiliari, le categorie economiche e i cittadini su temi di vitale importanza per il nostro territorio quali commercio, turismo, artigianato, servizi e, di conseguenza, avanzare proposte condivise in merito. L’evento sarà caratterizzato da interventi di tutte le categorie economiche legate direttamente al mondo del turismo, settore commercio, servizi e artigianato. I loro interventi, connessi all’andamento della stagione 2013 e alle prospettive per la stagione 2014, le problematiche e le relative proposte per arricchire l’offerta socio-economico-ricettiva nel nostro territorio, saranno ascoltati dai Gruppi consiliari, dalla Giunta e dai cittadini del Comune di Cesenatico.
Si invitano i rappresentanti delle categorie a presentare una relazione scritta in cui vengano riportate osservazioni e proposte in merito ai temi trattati, che verrà poi allegata agli atti dell’assemblea.

Programma dell’evento
Moderatore:
Giacomo Mascellani – giornalista Resto del Carlino

Prima parte – Interventi delle categorie economiche:
ADAC
CNA
Confartigianato
Confcommercio
Confesercenti
Cooperativa bagnini Cesenatico
Cooperativa bagnini Villamarina – Gatteo mare
Cooperativa casa del pescatore
Cooperativa armatori Cesenatico
Comparto agricolo: Coldiretti, CIA, UIMEC-UIL, Confagricoltura, UGC.

Seconda parte – Interventi dei gruppi consiliari:
Popolo delle libertà
Lega nord
Unione di centro
Partito Repubblicano
Partito Democratico
MoVimento 5 Stelle

Terza parte – intervento Sindaco / Giunta

Cesenatico LabORA

image_pdfimage_print

cesenatico labora

La proposta di mozione condivisa, che il MoVimento 5 Stelle proporrà durante il Consiglio comunale aperto agli interveti delle categorie economiche del nostro Comune, è la nascita di un tavolo di lavoro condiviso permanente dove l’Amministrazione, i gruppi consiliari e le categorie economiche avranno uno strumento per confrontarsi costantemente e prendere decisioni congiuntee per il benessere di tutta la collettività.

L’obiettivo di questo tavolo di lavoro condiviso è favorire la collaborazione tra l’Amministrazione comunale, i Gruppi consiliari, le categorie economiche e i cittadini su temi di vitale importanza per il nostro territorio quali commercio, turismo, artigianato, servizi e, di conseguenza, prendere decisioni congiunte in merito. I temi affrontati saranno legati all’andamento della stagione 2013 e alle prospettive per le stagione successive, le problematiche e le relative proposte per arricchire l’offerta socio-economico-ricettiva, nel nostro territorio.

Meno tasse agli esercenti che dicono NO al gioco d’azzardo

image_pdfimage_print

gioco-azzardo

Chiediamo al Sindaco Buda che il Comune di Cesenatico aderisca all’iniziativa della Confesercenti che propone di sgravare la tassa di occupazione pubblico per tutti gli esercizi commerciali che non abbiano al loro interno slot machines e giochi d’azzardo.

Ottima l’iniziativa proposta dalla Confesercenti, già condivisa dal Comune di Cesena e Savignano, di ridurre la tassa di occupazione del suolo pubblico a vantaggio dei pubblici esercizi che non tengano al loro interno slot machines e giochi d’azzardo. Stessa proposta che vorremmo venisse accolta anche dal Comune di Cesenatico. L’iniziativa della Confesercenti dimostra una grande sensibilità nei confronti del gioco d’azzardo patologico che ormai è diventata una piaga per le famiglie del nostro territorio che spendono grosse cifre e in alcuni casi si ammalano di una vera e propria dipendenza. Recentemente il Consiglio comunale ha approvato la mozione, proposta dal gruppo consiliare MoVimento 5 Stelle, che propone di arginare il problema socio-economico quale è il gioco d’azzardo. Il documento approvato impegna il Comune di Cesenatico ad aderire al “Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo”. I sostenitori, e quindi anche il Comune di Cesenatico, sono uniti dall’idea di portare avanti una proposta di riforma delle leggi sulla gestione di questo fenomeno che per alcuni rischia di sfociare in una patologia e vuole impegnarsi a contenere i rischi anche a livello locale.

I numeri del coinvolgimento nel gioco d’azzardo raccontano di un vero e proprio dramma nazionale: i giocatori abituali sono 15 milioni, 2 milioni quelli a rischio patologico e circa 800.000 i giocatori già malati. Il malato di gioco (G.A.P. Gioco d’Azzardo Patologico) è cronicamente incapace di resistere all’impulso di giocare e spesso si trova nella condizione di dover chiedere prestiti a usurai o a fonti illegali. Le persone più interessate al gioco sono le fasce più deboli e fragili della nostra società. Il problema non è riducibile solamente alla patologia in senso stretto, ma legato alle scelte di chi amministra la collettività. E’ dimostrato che si gioca di più nelle aree in cui ci sono più occasioni e più strumenti per farlo. E’ dunque necessario arginare la diffusione per scegliere concretamente di occuparsi dei propri cittadini tutelandoli da comportamenti a rischio.

Ci auguriamo che tramite questa iniziativa venga dimostrato sostegno e totale appoggio ai commercianti che, scegliendo di non installare apparecchi da gioco, rinunciano ad entrate economiche ma non contribuiscono al grande mercato del gioco d’azzardo. Inoltre ci auspichiamo, che l’Amministrazione Buda, appoggiando l’iniziativa della Confesercenti, dimostri con i fatti di voler difendere le famiglie di Cesenatico da questo dilagante problema sociale.