SULLA SOSTA CAMPER È GIUNTO IL MOMENTO DI AFFRONTARE L'ARGOMENTO!


Per sopperire all’attuale stallo amministrativo nella gestione dei camper a Cesenatico, il Movimento 5 Stelle al prossimo Consiglio Comunale presenterà una mozione per chiedere la regolamentazione della sosta nel territorio.
Al momento la sosta per questi mezzi è del tutto libera, permettendo ai camperisti di poter parcheggiare e di fatto campeggiare in molte zone di Cesenatico, anche centrali, occupando di norma più posti auto. D’altra parte se si esclude l’intervento di qualche privato, mancano in città area sosta dedicate e con servizi quali collegamento elettrico, punto prelievo acqua e scarico.
La totale liberalizzazione di parcheggio per camper comporta un flusso turistico sregolato e che di fatto non contribuisce particolarmente alla ricchezza del territorio. Occorrerebbe prendere in considerazione poi che a fronte di una ospitalità gratuita ci sono dei costi che la collettività deve affrontare in merito all’approvvigionamento acqua attraverso fontanelle pubbliche e la gestione dei rifiuti.
Il Movimento 5 Stelle chiede perciò che si inizi ad affrontare l’argomento, indicando il divieto di sosta notturna e continuativa nelle zone più centrali della città e si scelgano altre aree da adibire a sosta. Aree che devono essere attrezzate adeguatamente e per la cui fruizione si deve pagare una cifra in linea con quanto si paga altrove. In questo modo si favorirebbe un altro tipo di turismo, economicamente più vantaggioso per l’ente pubblico e per tutto Cesenatico.
Il gruppo di lavoro del Movimento in questi anni ha proposto una serie di soluzioni al problema per un progetto da realizzare in breve tempo e con costi contenuti, investimenti recuperabili direttamente dal Comune in pochi anni.

Viceversa rimane inaccettabile non limitare un flusso che nel periodo estivo diventa insostenibile, in buona parte composto da trasfertisti del week end che vivono nell’entroterra e con alcuni camper che sostano per interi mesi. Rimane abbastanza incomprensibile come l’amministrazione attuale e le precedenti non abbiano fino ad oggi affrontato l’argomento: sarebbe stato sufficiente seguire quanto fatto in quasi tutti i comuni turistici italiani.camper