Coltivare un orto… un atto rivoluzionario!

image_pdfimage_print

Il MoVimento 5 Stelle di Cesenatico ha inaugurato in via Palazzone n°86, presso il Quartiere di Cannucceto, un progetto rivoluzionario denominato “orto sinergico collettivo”.

Coltivare un orto è un atto rivoluzionario, ed è probabilmente la migliore assicurazione per il nostro futuro. Il rincaro dei carburanti non deve preoccupare per via dell’utilizzo di automobili, ma piuttosto per l’approvvigionamento alimentare, dal momento che l’agricoltura e la distribuzione delle derrate alimentari dipendono dai carburanti fossili. L’industria alimentare ci vende prodotti troppo spesso legati al marchio e non alla qualità. L’autoproduzione consente di risparmiare, evitare l’utilizzo di carburanti e azzerare la filiera. Questo progetto vuole altresì sottolineare il concetto a noi molto caro del “ritorno alla terra”, legato con un filo diretto alla riscoperta delle nostre tradizioni rurali, culturali, i sapori ormai perduti, i rapporti sociali e umani all’interno della nostra comunità, il ritorno ad una consapevolezza tale da comprendere appieno il valore e l’importanza di ciò che abbiamo.

Tuttavia, creare un “orto collettivo sinergico” va oltre al semplice concetto di autoproduzione. Il progetto ha come obiettivo didattico il coinvolgimento di famiglie, scuole e parrocchie nella realizzazione di orti collettivi, per dare un esempio pratico di come ognuno di noi possa contribuire ad azzerare la filiera alimentare e partecipare ad un’esperienza comunitaria che, oltre alla produzione di cibo, riporti l’uomo all’interno dell’ecosistema e non al di sopra di esso.

La tecnica di “agricoltura sinergica collettiva” si articola in diversi passaggi:
- realizzare cumuli di terra separati da passaggi pedonali per poter comodamente manutentare gli ortaggi senza calpestare e compattare i terreno coltivato; Irrigare con il sistema a goccia;

- coprire il terreno con paglia per mantenere l’umidità costante, risparmiare acqua e permettere a microrganismi e lombrichi di essere attivi nello strato superficiale del terreno;

- garantire la presenza contemporanea di piante di diverse famiglie nello stesso cumulo, questo permetterà di ridurre il pericolo di infezioni e garantire la protezione da parassiti;

- In terreni molto sfruttati ricorrere ad un apporto esterno di terra e compost o letame decomposto, successivamente non se ne farà più uso perché il terreno, se trattato correttamente, si comporterà come il suolo naturale “selvaggio”.

La sperimentazione e la diffusione di tecniche di coltivazione sinergica, l’instaurazione e il mantenimento di uno stato di convivialità ed armonia tra gli aderenti all’orto, sarà un esempio concreto di recupero del rapporto con la terra. L’orto sinergico collettivo sarà utile anche per organizzare visite didattiche guidate e per la divulgazione delle tecniche adottate. Per concludere, invitiamo tutti i cittadini a visitare “l’orto collettivo sinergico” presso il Quartiere di Cannucceto per avere maggiori informazioni su questo nuovo progetto proposto e concretizzato dai ragazzi del MoVimento 5 Stelle di Cesenatico.

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.