Tematica: 'Rifiuti'
• Guarda le segnalazioni sulla Mappa
• Dì la tua sul tema, partecipa al Forum
• Approfondisci il tema sulla nostra Wikipedia

PuliAMO Cesenatico

image_pdfimage_print

volantino 1

Il MoVimento 5 Stelle Cesenatico organizza per sabato 24 ottobre un’iniziativa di pulizia urbana collettiva ed invita tutti i cittadini a partecipare: bastano un gilet ad alta visibilità, dei guanti e tanto entusiasmo ed amore per Cesenatico. Il ritrovo è fissato al parcheggio di Largo San Giacomo per le ore 9 ed il percorso si snoderà attraverso Viale Cecchini, Viale Roma fino al grattacielo, Viale Carducci, Viale Anita Garibaldi e terminerà in Piazza Ciceruacchio verso le ore 12.30. Questo appuntamento vuole essere un punto di partenza, una sorta di prima edizione, per l’iniziativa “PuliAMO Cesenatico”, in quanto il MoVimento 5 Stelle Cesenatico intende riproporre annualmente questo progetto di pulizia collettiva della città. Già per il 2016 infatti, si sta elaborando una sorta di calendario di appuntamenti, che verrà reso pubblico nelle prossime settimane, in cui la manifestazione “PuliAMO Cesenatico” toccherà tutti i quartieri della nostra città. Rinnoviamo l’invito a partecipare a tutta la cittadinanza poiché l’ambiente è un bene preziosissimo per tutti, rendiamo ancora più bella Cesenatico, “PuliAMO Cesenatico”!

Bidoni interrati: il MoVimento non dormiva, qualcuno si sveglia ora!!

image_pdfimage_print

bidoni interrati cesenatico

Nei giorni scorsi il Partito Repubblicano e il Partito Democratico hanno dichiarato di essere rimasti sconcertati davanti ad un cartello che comunicava l’inizio lavori dell’isola ecologica interrata in Piazza del Monte. Continuando a leggere, si notava l’accusa verso l’Amministrazione di aver fatto scarsa comunicazione riguardo l’imminente apertura del cantiere. In verità, non si tratta di un segreto nascosto nel cassetto, dato che l’opera, una spesa di 94 mila e 697 euro, è stata più volte discussa durante i Consigli Comunali ed aveva visto la forte opposizione del MoVimento 5 Stelle a questo inutile spreco di denaro pubblico. Perché mai, solo oggi, il PRI e PD si svegliano e attraverso questi comunicati demagogici evidenziano perplessità? Tali perplessità il MoVimento 5 Stelle le aveva già espresse durante l’intera legislatura, presentando interpellanze e mozioni per abolire questi inutili opere e spreco di denaro pubblico. In particolare, nel 2014 abbiamo presentato una mozione che chiedeva, nonostante si trattasse di fondi vincolati al tema rifiuti, che gli stessi fossero destinati per pratiche virtuose: inizio raccolta rifiuti porta a porta e progetti rifiuti legati alle scuole di Cesenatico.  Se tali decisioni sono incomprensibili per il PD e PRI, figuriamoci per il cittadino già in affanno nel pagare le tasse sempre più pesati. Le rimostranze del PD e PRI appaiono tardive ed anche prive di una doverosa autocritica per il lungo silenzio durante le sedi opportune.

Antonio Castagnola, responsabile scuola M5S Cesenatico

antonio castagnola

Le spese discutibili delle isole ecologiche interrate

image_pdfimage_print

isola2

Durante il prossimo Consiglio comunale, il gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle chiederà che venga annullata la realizzazione di un’isola interrataper la raccolta rifiuti ad un costo di 94 mila euro,di prossima realizzazione nel parcheggio del monte in centro storico. L’ennesima opera inutile di questa Amministrazione dimostra come i soldi pubblici ci siano, ma vengono sperperati. Con la mozione si impegnerà la Giunta ad utilizzare quelle risorse per le riqualificazioni e perizia antisismica delle scuole pubbliche di Cesenatico.

 Con Delibera n. 299 del 11.11.2014 veniva approvato il progetto definitivo – esecutivo denominato “isole Ecologiche Interrate – Piazza del Monte” primo stralcio, nella quale venivano approvati anche i relativi elaborati tecnici per un importo pari a euro 94.697,52. Successivamente, con determinazione Dirigenziale nr 339 del 25.05.2015, è stato approvato di procedere all’affidamento della fornitura e posa di isole ecologiche interrate. Questi sistemi impiantistici, spesso invasivi per il territorio, risultano essere inutili e dispendiosi di risorse economiche sia al momento della realizzazione che per il mantenimento.

 L’Amministrazione non può continuare a sperperare i soldi dei cittadini in opere senza utilità e rilevanza in quanto non necessari, ma deve iniziare a prendersi cura delle scuole pubbliche del territorio. In città sono numerosi gli edifici scolastici bisognosi di risanamento edilizio. Le scuole del territorio sono in attesa della necessaria valutazione con successiva relazione rispetto al rischio sismico. Chiederò che il Consiglio Comunale impegni il Sindaco e la Giunta a revocare la delibera di Giunta nr 299 del 11.11.2014 relativa alla realizzazione di un isola ecologica interrata che il relativo importo annullato, pari a euro 94.697,52, vada a finanziare i lavori di riqualificazione, manutenzione e perizia antisismica delle scuole pubbliche del territorio.

antonio castagnola

Dateci un taglio: consumo consapevole

image_pdfimage_print

dateci un taglio

Martedì 1 aprile presso il Museo della Marineria dalle ore 20.45 si terrà la 4^ serata a tema del ciclo di incontri “Dateci un taglio”, che da gennaio hanno portato a Cesenatico riflessioni, indicazioni e informazioni su come tagliare le bollette di luce e gas, di come costruire e ristrutturare nel rispetto della legge, del benessere e del portafoglio. In questo prossimo appuntamento verranno introdotti gli effetti positivi del consumo consapevole, dei gruppi d’acquisto e della possibilità di tagliare la bolletta dei rifiuti.

In questo percorso mensile abbiamo potuto comprendere che, qualunque sia il settore di cui ci occupiamo, per diminuire i costi e aumentare i vantaggi per salute e ambiente è indispensabile essere informati e consapevoli. Così è anche per i rifiuti: quanti ne produciamo? Sono tutti necessari e, infine, sono davvero rifiuti? Visto il successo dell’iniziativa DATECI UN TAGLIO, l’appuntamento di martedì 1 aprile sarà anche in questo caso propedeutico all’incontro che abbiamo voluto aggiungere al programma, MARTEDI’ 15 APRILE 2014, per parlare ESCLUSIVAMENTE DEI RIFIUTI.

Non mancate quindi a entrambi:
martedì 1 aprile 2014 ore 20 45 Museo della Marineria: Gruppi d’acquisto – Consumo Consapevole – Prodotti alla Spina – Raccolta differenziata;
martedì 15 aprile 2014 ore 20 45 Museo della Marineria: TUTTO RIFIUTI – inceneritori – discaricaraccolta differenziataporta a porta.

E alla fine arrivò la TARES

image_pdfimage_print

Tares-2013

La TARES ha portato ad aumenti fino al 100 per cento rispetto alla tassazione precedente sui rifiuti e una diminuzione della qualità dei servizi. Il solito gioco delle tre carte all’italiana dove ti cambio nome e modalità di riscossione ma il risultato è sempre quello, anzi peggiora per l’aumento dei costi e l’abbassamento della qualità dei servizi. A partire dal 10 febbraio è stata recapitata da parte di Hera Spa la terza rata della TARES 2013. Dal primo gennaio 2013 la Tia, tariffa rifiuti per il servizio di igiene ambientale, è stata infatti sostituita dalla TARES, tassa sui rifiuti e servizi di manutenzione (indivisibile).

A seguito di un accesso agli atti del 31 Gennaio 2014 presentato dal MoVimento 5 Stelle di Cesenatico, nel quale si chiedevano i dati di differenziazione per gli anni compresi tra il 2011 e il 2013, risulta che a Cesenatico la differenziazione non supera il 35%. Siamo rimasti al palo a fronte di altre realtà, anche a vocazione turistico – balneare come Iesolo, in cui la raccolta porta a porta con tariffa puntuale (paghi solo quello che non riesci a differenziare) hanno portato la differenziazione fino all’80%. Questo dato allarmate, che iscrive il nostro Comune nel gruppo dei “Comuni inefficienti”, pone tutta una serie di osservazioni e domande:

- Per quale ragione non viene introdotta una politica di aumento differenziazione con il sistema porta a porta, includendo una tariffa puntuale che prevede di pagare solamente ciò che risulta non differenziabile?
- Per quale ragione dobbiamo continuare a pagare una TARES calcolata su parametri di metri quadrati, produttività e nucleo familiare invece di pagare solo per i rifiuti che non riusciamo a differenziare?
- Per quale ragione la TARES ha avuto picchi di maggiorazione, rispetto alla somma tra l’ex Tia e servizi di manutenzione, che raggiungono anche il 100 per cento?
- La cosa più scandalosa è che dal 2005 ad oggi il costo della vita e dei servizi pubblici mediamente è salito del 40-50% (dati ISTAT), tuttavia le tariffe HERA sono salite del 160 per cento. A seguito di questo aumento, secondo voi è aumentata la qualità del servizio rispetto ad una spesa cosi onerosa?

Al Senato, già a fine 2013, il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle è intervenuto nel dibattito sulla Tares presentando una mozione che chiedeva il superamento di questa imposta e l’adozione per ogni ente locale della Tariffa puntuale. Con l’abolizione della TARES e l’adozione della tariffa puntuale si introdurrebbe il principio virtuoso che chi più ricicla meno paga. Questo già avviene nei tantissimi Comuni che hanno adottato il sistema di raccolta differenziata porta a porta con tariffa puntuale, arrivando a riduzione dei rifiuti, percentuali di differenziata superiori all’80% avviando percorsi verso Rifiuti Zero, con vantaggi economici per gli utenti e le imprese. La TARES è di fatto le negazione della tariffa puntuale, punisce tutti i cittadini, le imprese e i Comuni virtuosi dal punto di vista ecologico e dell’innovazione.

Ma quali sono i vantaggi del porta a porta con tariffa puntuale? Si ottiene un raccolta differenziata pulita mediamente del 80-90% (meno rifiuti nell’inceneritore e in discarica); minor emissione di micro particelle cancerogene causate da inceneritori; si eliminano i cassonetti stradali con i problemi connessi di cattivo odore e d’immondizia sparsa; la raccolta viene fatta nelle case quindi risulta più comoda soprattutto per gli anziani; aumentano i posti di lavoro; la raccolta porta a porta autogestita costa meno dell’attuale sistema HERA.

Dateci un taglio!

image_pdfimage_print

dateci un taglio

Martedi 10 Dicembre alle ore 20.30 presso il Museo della Marineria di Cesenatico, i ragazzi del MoVimento 5 Stelle hanno organizzato una nuova serata tematica di approfondimento dal titolo “Diamoci un taglio: buone pratiche per risparmiare acqua, energia, gas, spesa e rifiuti.

La serata sarà la prima di un ciclo articolato in altri 4 appuntamenti gratuiti e aperti al pubblico, dedicati a tutte le famiglie e pensato per dare consigli concreti e pratici sul risparmio dei consumi nelle utenze domestiche. In questo primo incontro verrà presentato il programma dell’evento informativo, durante il quale la giornalista Silvia Dana Serra e l’associazione Ambiente Noi relazioneranno ai convenuti i primi consigli pratici e buone abitudini per risparmiare sulle bollette di acqua, gas, rifiuti ed energia. Nel corso della serata i partecipanti potranno compilare un questionario in cui richiedere argomenti specifici da trattare nelle prossime serate.

Nella seconda parte della serata, il Consigliere comunale per il MoVimento 5 Stelle di Cesenatico, Alberto Papperini, presenterà la periodica relazione semestrale sul lavoro svolto negli ultimi mesi dal Gruppo consiliare. Al termine della serata rimetterà il mandato nelle mani dei cittadini. Gli stessi elettori del MoVimento 5 Stelle potranno votare, esprimere il loro parere e decidere se riconfermare per i prossimi sei mesi Alberto Papperini come proprio “portavoce”.

La serata sarà aperta al pubblico ed in diretta streaming sul sito www.cesenatico5stelle.it.

Guarda il video dell’incontro sul nostro canale Ustream

Obiettivo Rifiuti Zero

image_pdfimage_print

riciclo-creativo

Il MoVimento 5 Stelle raccoglierà le firme per la legge d’iniziativa popolare “RIFIUTI ZERO” a partire da Domenica 12 Maggio dalle ore 14.30, presso un gazebo posto lungo il porto canale di fronte alla farmacia Ioli e durante i venerdì mattina al mercato zona stadio. I rifiuti vengono rappresentati come un grave problema che affligge le nostre realtà territoriali. In questo campo esistono una serie di iniziative volte a risolvere il problema, che purtroppo persiste in quanto non vi è una vera e propria legge nazionale quadro che consenta non solo di unificare l’azione di smaltimento, ma di gettare le basi per una gestione virtuosa della filiera di riciclo.

Questa proposta di legge è fortemente innovativa in tal senso, perché non considera più il rifiuto come un problema, ma come una risorsa da valorizzare. Le finalità del presente d.d.l. di iniziativa popolare si fondano sui seguenti punti:
1) Rispettare gli indirizzi della carta di Ottawa 1986;
2) Rafforzare la prevenzione primaria delle malattie attribuibili a inadeguate modalità di gestione dei rifiuti;
3) Recepire ed applicare la direttiva quadro 2008/98/CE;
4) Recepire ed applicare il risultato referendario del giugno 2011 sull’affidamento della gestione dei servizi pubblici locali.

Al fine di perseguire le suddette finalità, la proposta di legge “Rifiuti zero” contiene una serie di misure volte a:
1) Promuovere e incentivare anche economicamente una corretta filiera di trattamento dei materiali post-utilizzo;
2) dirottare risorse dallo smaltimento in discarica e dall’incenerimento, verso la riduzione, il riuso e il riciclo;
2) Eliminare il conferimento in discarica, ed all’incenerimento;
3) Sancire il principio “chi inquina paga” prevedendo la responsabilità civile e penale per il reato di danno ambientale.

Invitiamo tutti i cittadini ad aderire a questa proposta di legge per offrire a tutta la collettività e alle generazioni future un ambiente più sano.

'