Gesturist: scissione, contratti e debiti

image_pdfimage_print

Durante l’ultimo Consiglio comunale la nostra attenzione è stata catturata dal dibattito sulla scissione di Gesturist spa in 2 società distinte. Studiando gli atti di cessione, una serie di considerazioni sono d’obbligo se si vuol chiarire un tema così controverso. La vendita dei beni (Camping Cesenatico, 2 bagni, chiosco piadina, pub Madigan) è stata valutata da una perizia di nomina Gesturist, inoltre i 9 soci partecipi al 100% della società appena costituita hanno privilegiato del diritto di prelazione come ex membri del CDA di Gesturist spa. La vendita tramite perizia privata e l’assenza di un bando pubblico fanno ipotizzare una probabile poca trasparenza sull’operazione finanziaria e che il prezzo di vendita sia stato sottostimato.

La società in mano al Comune, invece, si adopererà per i servizi manutentivi (strade, verde, cimitero, illuminazione, ecc.), inoltre avrà la proprietà di Vena srl, del bagno Marconi e la gestione del mercato ittico. La cosa sconcertante che nessuno dice è che Gesturist spa era fortemente indebitata per 14,503 milioni di euro di mutui e con il passaggio azionario anche i debiti sono stati riversati proporzionalmente nelle due nuove società.

Il paese ha bisogno di notevoli interventi di manutenzione per garantire il decoro ambientale, la sicurezza stradale, la percorrenza pedonale e ciclabile, la fruibilità di zone verdi, ecc. La Gesturist riceve dal Comune ogni anno circa 5 milioni di euro per tali manutenzioni, ma i riscontri sul territorio sono gravemente insoddisfacenti. Come facciamo a sapere se sta rispettando il contratto firmato con il Comune di Cesenatico? L’art. 25 del contratto sottolinea il fatto che il Comune è tenuto al controllo ed in particolare la Gesturist è tenuta a presentare entro il mese di Aprile una relazione dell’attività svolta nell’anno precedente, indicando i costi analitici, voce per voce, sostenuti per ogni prestazione effettuata, affinché giustifichi le fatture emesse.

L’amministrazione nel deliberare il piano degli investimenti 2011 ha incaricato la Gesturist di eseguire le manutenzioni straordinarie a quei beni pubblici di cui prima dovrebbe eseguire le manutenzioni ordinarie, per un importo di 1 milione 936 mila euro da aggiungere ai 5 milioni già ricevuti. Ovviamente vengono spontanee alcune domande: siamo sicuri che Gesturist non prenda soldi 2 volte per lo stesso lavoro? Il Comune, prima di finanziare altre manutenzioni, ha controllato se Gesturist ha adempito a doveri accordati per contratto?

Per dissipare questi dubbi e per garantire che i fondi pubblici vengano spesi correttamente, sarebbe opportuno che il Sindaco pubblicasse tutti gli atti e che desse ai cittadini informazioni complete senza alcuna reticenza.

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.