Lettera aperta: Credito alle imprese di Cesenatico

image_pdfimage_print

Logo MoVimento 5 Stelle

Oggetto: credito alle imprese di Cesenatico – rapporti con la Banca Romagna Cooperativa.

Io sottoscritto Alberto Papperini, Consigliere comunale per il MoVimento 5 Stelle:

Premesso che:

La Banca Romagna Cooperativa risulta commissariata dalla Banca d’Italia: i commissari straordinari rispondono al nome di Claudio Giombini e Franco Zambon;
Il 28 novembre 2013 il Resto del Carlino scriveva: “ Da ieri a mezzogiorno Banca Romagna Cooperativa è commissariata. Il provvedimento che la Banca d’Italia ha proposto e il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha firmato il 13 novembre scorso non è ancora stato pubblicato, ma la notizia si è diffusa molto rapidamente […] A dare il via al tam tam è stato l’anticipo alle 11.30 della riunione del consiglio d’amministrazione che era già stato convocato per metà pomeriggio. […] La conferma ufficiale è arrivata alle 18 con un laconico comunicato firmato dai commissari straordinari Claudio Giombini e Franco Zambon che informa del loro insediamento e della nomina di un comitato di sorveglianza formato da Mario Pace, Maria Teresa Bianchi e Alessandro Portolano. Nel comunicato si legge che il commissariamento «non comporta alcuna interruzione dell’attività della banca, che prosegue regolarmente in tutte le sue funzioni. Pertanto la clientela può continuare a operare, come di consueto, con fiducia presso gli sportelli della banca»”.

Constatato che:

In data 4 Maggio 2015, il Resto del Carlino riportava una notizia nella quale un imprenditore di Villamarina, nel settore ricettivo di Cesenatico, esternalizzava la sua preoccupazione relativa alla chiusura del credito emesso dalla banca in oggetto nei suoi confronti. Queste le parole riportate nell’articolo: “Di certo c’è stata una forte stretta sul credito: moltissimi clienti sono stati richiamati bruscamente a rientrare nei limiti dei mutui e dei fidi concessi, anzi a ridurre ulteriormente la situazione debitorie. Chi non si è adeguato prontamente è stato segnalato come “sofferente” alla Centrale Rischi della Banca d’Italia, eventualità molto temuta dagli imprenditori perché chiude l’accesso al credito anche presso le altre banche”.
Lo steso imprenditore di Villamarina di Cesenatico ha voluto reagire per vie legali e questo atto viene riportato dalle parole del proprio legale Avv. Morini: “La società che rappresento non meritava un trattamento del genere perché aveva prospettato un piano di rientro e aveva altri istituti di credito disposti a erogare finanziamenti, per cui ha subito un grave danno”.

Considerato che:

Molte altre attività e imprenditori di Cesenatico, che hanno richiesto credito alla Brc per riqualificare le proprie strutture ricettive, produttive e turistiche, versano nella stessa situazione di difficoltà, dovuta alla situazione in cui versa la Banca Romagna Cooperativa;
L’Amministrazione comunale deve essere al fianco degli imprenditori locali che vogliono investire sul futuro delle proprie strutture e quindi dell’economia turistica della città.

CHIEDO:

all’Amministrazione di attivarsi per aprire un canale di dialogo con i Commissari della Banca Romagna Cooperativa, in modo tale di sostenere e garantire il credito alle imprese locali;
di applicare atti volti alla salvaguardia del credito alle attività e imprenditori di Cesenatico, con particolare riferimento alla situazione di commissariamento della Banca Romagna Cooperativa;

Rispondi

Devi essere registrato per postare un commento.